Sanità globale

Tra maggio e ottobre – l’inverno nell’emisfero sud per gli epidemiologi – circa quattro australiani e neozelandesi su cinque che rispondono al sondaggio dei rispettivi ministeri della sanità, dicono di aver avuto i sintomi dell’influenza. Quest’inverno sono lo 0,4% – scrive l’Economist. In Australia, tra maggio e metà agosto 2015-2019, in media 86 mila australiani… Continua a leggere Sanità globale

Declini: uno incerto e uno certo

Oggi Nature, praticamente monotematica fino ai papers, commenta brevemente il lungo preprint depositato su arXiv org da un gruppone di autori italiani. Tra altre stime interessanti – con molte “limitazioni”, avvertono, perché “con due settimane di dati” non si fanno miracoli – danno una notizia, per modo di dire perché Enrico Bucci l’aveva pubblicata un mese fa. Fanno… Continua a leggere Declini: uno incerto e uno certo

Il libretto rosso e altre terapie

La chirurgia praticata a Pisa da alcuni anni è molto meno alternativa di quella maoista. Nel film “Chinois, encore un effort pour être révolutionnaires!” (1977), il cineasta René Viénet inserisce – in una cornice dorata barocca – un documentario di propaganda in cui la lettura del Libretto rosso funge da analgesico per il paziente mentre dal cervello gli… Continua a leggere Il libretto rosso e altre terapie

"Generatori di dati falsi"

Titolo del comunicato stampa della Statale di Milano :”Il centenario delle equazioni di Harris e Benedict, ovvero cent’anni di fake results“. Altra botta per gli studi sulla nutrizione, noti per marchette, dati “massaggiati” e risultati irriproducibili. Carlo Agostoni et al. hanno fatto la peer review di un paper pubblicato nel dicembre 1918 sui PNAS da… Continua a leggere "Generatori di dati falsi"

Statistiche e diluizioni "creative"

Enrico Bucci ha reclutato Roberto Defez e Donatello Sandroni per fare le pulci a una pubblicazione di Marco Scortichini, direttore dell’Unità di ricerca per la frutticoltura al CREA di Caserta, e 21 altri, uscita sulla rivista Mediterranean Agriculture dell’università di Firenze (nota per pubblicare in una sua rivista un articolo che nega il nesso causale tra HIV… Continua a leggere Statistiche e diluizioni "creative"

La cronaca, nonostante i cronisti

Ho parafrasato il titolo di Enrico Bucci che interviene oggi sul “vizietto di Photoshop” di ricercatori famosi, e in particolare sul “finanziami tu che ti finanzio io” – “tutto in famiglia” per dirla con Gianni Barbacetto – praticato all’Airc. Senza alcun pudore, anche se tutti gli oncologi d’Italia (e i lettori dell’oca s.) lo sapevano… Continua a leggere La cronaca, nonostante i cronisti

Le Oche e il detective

Cari orecchietti di radiopop, vi ripetiamo da una vita che nelle scienze della vita la maggior parte dei risultati pubblicati sono falsi. Come lo sappiamo? Perché ci sono ricercatori che nel tempo libero correggono errori e denunciano contraffazioni ignorate durante la revisione dei pari (“peer-review”). Enrico Bucci è fra i più noti da quando ha… Continua a leggere Le Oche e il detective

Un'antroposofa in Senato

La proposta di legge che favorisce ed equipara l’agricoltura biologica e biodinamica è stata approvata alla Camera in dicembre, da una “larga maggioranza bi-partisan”, unico partito astenuto: Forza Italia. Da allora non ne sento più parlare. Per accelerarne l’iter legislativo, martedì la biologa nonché vice presidente della Commissione agricoltura del Senato Elena Fattori del M5* ha seguito il… Continua a leggere Un'antroposofa in Senato

Lo "spettrofotometro" e i "vaccini einsteniani"

Corvelva – il gruppo veneto di disinformazione sanitaria le cui analisi sono in parte finanziate dall’Ordine dei biologi – ha inventato lo “spettrofotometro di massa” che, nei vaccini, consente di distinguere per esempio il sildenafil del Viagra o un diserbante da centinaia di composti con lo stesso peso molecolare. L’ho appena saputo leggendo il post… Continua a leggere Lo "spettrofotometro" e i "vaccini einsteniani"

Casinò

Un po’ appannato dall’indagine per corruzione di Benjamin Netanyahu e signora, quest’estate in Israele era scoppiato lo scandalo dell’università Ariel costruita dai coloni nei territori occupati. Era scandalosa anche prima, ma i media l’hanno trascurata fino a quando la Facoltà di medicina decisa dal rettore Zinigrad è stata approvata dal governo nonostante violasse gli “standard accademici“.… Continua a leggere Casinò